Archive for the 'Micro$oft' Category

22
Mag
09

Linux Vs. XP, installazione software

Ecco un articolo interessante che propone il confronto fra l’installazione del gioco hearts su linux Ubuntu e su Windows XP.

Link

Annunci
17
Dic
08

Windows7

Come ormai tutti saprete sona da un pò in giro 2 build di windows 7, così ho deciso di scaricarmi la .iso e provarlo su VirtualBox..

Vi dirò, io non ho mai usato Vista se non qualche volta su pc di amici ed amiche o su virtualbox, e devo dire che mi ha sempre deluso sotto molteplici punti di vista, spero (per la Microsoft) che con la prossima versione torni ad essere seriamente usabile.

Ecco qui un pò di screenshot dell’installazione su VirtualBox che per’altro è semplicissima.

Per ulteriori informazioni ecco qui il blog che io seguo: LINK

27
Nov
08

I’ll come back to XP…NOOOOT!!!

In questo articolo associo il metodo conosciuto con “NOT JOKE” al mio pensiero temporaneo di tornar ad usare XP e che in questo articolo descrivo…

Per chi non conoscesse il NOT JOKE, Borat ve lo può spiegare in questi video… LINK1 LINK2

Da lunedì sono un felice utilizzatore del pc che mi son assemblato quasi a sorpresa nel week-end.

Nel decidere cosa installarci come OS non ho avuto molti dubbi, nell’hard disk S-Ata nuovo da 320GB ci sarebbe andata una distro linux (Ubuntu per il momento, ma Archlinux ha già la sua partizioncina pronta) nell’altro HDD che ho vacante per casa (un IDE 250GB) ci sarebbe andato XP e tutti i dati che avevo nel mediacenter.

Il mediacenter infatti ho dovuto abbandonarlo perchè era un pc troppo poco potente, troppo rumoroso (nonostante le modifiche da me portate) ed in più l’alimentatore mi aveva cominciato a dare problemi; inoltre fastweb mi ha dotato gratuitamente della funzionalità mediaserver per la mia fastwebtv e devo dire che non è proprio una funzionalità stupida nonostante sia, di default, pensata per non far “veder troppo”…

Per risolvere l’inconveniente del veder solo video mpeg2 o mpeg ci sono dei mediaserver appositi per pc che fanno la transcodifica al volo; proprio qui il mio amato OS Gnu/linux mi ha tradito, infatti sia fuppes che mediatomb non funzionano per nulla bene nell’accoppiata “transcodifica-decoder fastweb” (nonostante le ore perse a configurare la transcodifica), mentre tversity per windows va che è una meraviglia senza tanta fatica.

Devo dire che nell’ultimo mese il problema dei media server in linux mi aveva un pò fatto girare le scatole, infatti con i vari mediatomb o fuppes non si riesce a fare la transcodifica video, o meglio, la transcodifica viene fatta ma il video non viene inviato (o non viene ricevuto) dal decoder fastweb, probabilmente un problema di buffer, boh; sta di fatto che su xp tversity fa funzionare tutto e questo mi ha dato non poco fastidio.

Per questo motivo avevo deciso di formattare l’hard disk da 250 in NTFS e installarci XP, 2 partizioni, 15giga per l’OS ed il rimanente per i dati; deciso a far pace con la Microsoft e magari riprender ad utillizzarlo.

L’installazione di XP è durata un’oretta ed al primo avvio mi son trovato di fronte il primo motivo per cui amo le distro live linux based: lo schermo si presentava con un bel prato verde con all’orrizonte un cielo sereno ed una icona nell’angolo destro con scritto sotto cestino, ok, nulla di strano tranne per il fatto che si vedeva il tutto con una risoluzione schifosa (ma prima non mi aveva mica scritto che avrebbe pensato lui a mettere la risoluzione più adatta?? mah…).

Beh, diciamo la verità, a questo ero preparato, quindi mi son diretto convinto verso il pulsante start e l’icona di Internet Explorer, peccato che windows non vedesse che ho una scheda di rete integrata; bene, anche questo me lo aspettavo e son andato nel pc in salotto, ho scaricato tutti i driver su una chiavetta e me li son copiati sul pc nuovo.

Di seguito ecco il secondo motivo per cui preferisco una distro linux

  • Quindi ho installato il driver per la scheda video per primo (era inguardabile lo schermo), e via col primo riavvio;
  • Installato il driver per il chipset, e via col secondo riavvio;
  • Installato il driver per l’ethernet, e via col terzo riavvio;
  • Installato il driver per la scheda audio integrata, e via col quarto riavvio;
  • Quindi aperto internet scaricato mozilla, installato e scaricato avast antivirus, installato e via col quinto riavvio.
  • Poi ho scaricato adobe reader, adobe flashplayer ed installati, inoltre volevo installare un altro programma, che al momento non ricordo, che mi ha richiesto (durante l’installazione) l’installazione di net2.0; e qui ecco il terzo motivo per cui non amo proprio windows, ho dovuto cercarmi net 2.0 in rete, scaricarlo, installarlo e poi, ovviamente, via col sesto riavvio.

Riassumendo ecco i 3 motivi per cui una qualsiasi persona con un minimo di buon senso dovrebbe considerare inaccettabile Windows:

  1. Il primo è che alla prima vera accensione (non quella che viene fatta dopo che un’azienda produttrice di pc ci abbia messo le mani) con XP non si è in grado di far praticamente nulla, non riconosce nessun hardware, bisogna cercarsi in rete i drive adatti per il nostro OS e hardware; considerando inoltre che ci ha messo un’ora ad installarlo con un metodo di installazione che mi ha costretto a star sempre davanti al pc perchè ogni tanto salta fuori una domanda a cui rispondere e che ha fatto 3 riavvi del pc;
  2. Il secondo è che praticamente ogni volta che si installa un programma bisogna riavviare l’intero sistema e cliccare 2500 volte il pulsante avanti stando attenti che non proponga di installare cavolate tipo toolbar, etc…
  3. Il terzo è che se un programma ha bisogno di qualche altro programma per esser  installato, il più delle volte bisogna andar a cercarselo a mano e installarlo prima.

Dopo questa esperienza mi son ricordato come mai ero passato fisso a linux ormai da 3 anni ed ho installato sull’hard disk principale ubuntu, qui ho riscontrato un problema al disco IDE, infatti, già dal caricamento della live i messaggi del kernel mi hanno indicato che nel disco IDE c’era un errore di I/O in 2 settori del disco.

E qui se ne esce il quarto problema di XP, se non avessi avviato una live linux non sarei mai venuto a scoprire di questi errori, che poi sono stati confermati da un controllo con smart tools (e che devo ancora risolvere, spero che nella notte hdd regenerator faccia il suo dovere); veramente mi ha sorpreso il fatto che XP fosse installato su un hdd rovinato e non ne ha fatto segno in nessuna maniera.. misteri.

Come chiusura di articolo posso dire solo che l’installazione di Ubuntu 8.10 Intrepid Ibex mi ha sorpreso per 2 motivi:

  1. Installato su hard disk in un tempo record, meno di 15 minuti (la live era su usb);
  2. Riconoscimento perfetto dell’hardware, infatti, se avete pochi soldi da spender per una scheda madre vi consiglio la Asus P5KPL-CM.
10
Apr
08

Salvatore Aranzulla….che ciarlatano

Aspettando che ricomincino le lezioni passo la settimana a gozzovigliare tra il nuovo mediacenter mythbuntu based e il mio portatile alla ricerca di chissà quale notizia che mi possa rallegrare la giornata…

Oggi devo dire che una notizia mi ha colpito in piena faccia e mi ha fatto anche piuttosto pensare a come basti poco per fregare la gente e che probabilmente la moltitudine delle persone non è abituata ad avere una visione critica di quello che li circonda, si prende per vero e buono e si va avanti.

Proprio da questo nasce la storia di questo Salvatore Aranzulla, ne sono venuto a conoscenza grazie all’amato tuxfeed.it, la cui descrizione riporto qui sotto (trovata nel suo blog) :

Salvatore Aranzulla è un diciottenne blogger e divulgatore informatico. Il suo blog è parte integrante dello storico portale italiano Virgilio.it. Nel suo blog, Salvatore denuncia i pericoli, come pirati informatici, virus e truffatori, in cui è facile imbattersi su Internet e offre dei consigli pratici, alla portata di tutti, per prevenire i loro danni e alla peggio porvi rimedio.

Nel suo blog, vengono pubblicati inoltre spunti e suggerimenti in cui si spiega, con un linguaggio semplice e comprensibile a tutti, come usare al meglio il proprio PC.

Il blog costituisce la principale attività editoriale di Salvatore ed è ormai un vero e proprio successo grazie agli oltre 600.000 lettori al mese, a cui dovrebbero essere aggiunti i lettori indiretti, che leggono gli articoli di Salvatore non sul suo blog, ma sui numerosi siti Internet che lo ripubblicano.

Oltre che per il suo blog, Salvatore è più volte salito agli onori della cronaca per aver scoperto delle falle di sicurezza sui siti Internet più conosciuti ed usati al mondo. Fra questi, spiccano i nomi di Google, Microsoft, Yahoo!, Mediaset e Poste Italiane.

Una volta dato uno sguardo al blog e visto il suo videocast mi rendo conto di quanto le informazioni che questa persona da siano buone a nulla… Si probabilmente a mio nonno potrebbero sembrare perle di saggezza, ma io leggendo le trovo completamente prive di contenuti tecnici e ovvie.

Ma fin qui tutto ok, da dove esce l’affermazione che sia un ciarlatano???
Da questa notizia pubblicata su linux e dintorni, link, in cui riassumendo l’articolo veniva richiesto a Salvatore di partecipare ad una conferenza sulla sicurezza informatica in cui si sarebbe parlato ad un pubblico esperto di linux e BSD e il famoso Salvatore non si è più fatto sentire se non oggi in risposta all’articolo che vi ho precedentemente linkato: link alla risposta.

Mie personali conclusioni:

Trovo che questo commento metta in risalto maggiormente quello che penso io di questo Aranzulla

Ho sentito parlare per la prima volta di questa persona circa un anno fa in occasione dello sdegno che provocò l’elogiativa puntata di “Cognome e Nome” trasmessa su La7, sdegno provocato dalle definizioni altisonanti riferite ad “un così giovane ragazzo” che sì ne sapeva di più dell’utenza media (che a stento sa installare e configurare un programma) ma che sicuramente non meritava di essere trattato da enfant prodige essendoci molti ragazzi più giovani di lui che già hanno creato programmi utili e quasi sempre open source.
L’impressione che ho dalle informazioni che costui dà di se stesso è quella di un ragazzo appartenente ad una famiglia con i giusti agganci che è riuscito a vendere bene (libri e pubblicità sul sito) ovvietà che chiunque usi il computer un paio d’ore al giorno impara nel giro di pochissimo.
Purtroppo è normale che in un Paese tecnologicamente arretrato come il nostro ci siano giornalisti pronti a gridare al miracolo se un ragazzino sa usare discretamente un computer, quindi in questo settore i millantatori abbondano più che in altri.
Non stigmatizzo la sua iniziativa economica ma il suo attribuirsi meriti (”scoperta” di falle di sicurezza riportando semplicemente i risultati che otteneva cercando con google) e qualifiche (”esperto di sicurezza”, titolo per il quale spero serva come minimo una laurea e decennale esperienza) che appartengono alle centinaia di veri esperti che si vedono sminuiti e presi in giro da uno che ha il solo merito di aver avuto gli agganci giusti per scrivere su una rivista di scarso valore.

e mi sento personalmente di sconsigliare l’acquisto dei libri di questo giovane, in quanto ormai la comunità di internet è in grado di dare risposte più serie e tecniche a quesiti come la sicurezza senza buttare i soldi per arricchire uno che si spaccia per quello che in verità non è….

Qui di seguito il link al video di youtube che più incarna la risposta che secondo me merita questo Aranzulla e che da un’idea seria di cos’è la sicurezza in internet: link video.

E come dice Beppe Grillo “se dici delle scemenze in internet non te lo perdona”.

29
Feb
08

Class action contro Microsoft per il bollino Vista Capable

Leggo questa interessante notizia dove si parla di una class Action contro Microsoft iniziata da un giudice a Seattle, nel blog che vi linko si leggono parti di interessanti email interne scambiate fra vari dipendenti Microsoft, qualcuno anche abbastanza in alto ( vedi Steve Ballmer).

Insomma un bel mese per l’azienda di Redmond:

  • prima un programmatore che si fa chiamareBrandon scrive sul suo blog di come un suo amico abbia messo nel “corridoio delle idee” per il nuovo OS screenshot di Leopard e si chiede se la Apple faccia lo stesso link ita ;
  • poi questa class Action che fa uscire che, per dirla in parole povere, il bollino Vista capable è servito per poter far vendere il chipset 915 alla Intel;
  • ed infine la multa data dalla comunità europea l’altro giorno.